Subscribe to Blog

SparkFabrik: la nuova realtà Drupal europea

Dall'unione di Twinbit e Agavee, nasce sul mercato una nuova realtà: SparkFabrik . Il consolidamento dei marchi sotto un unico brand è stato un passaggio naturale del nostro percorso di crescita che abbiamo intrapreso da qualche anno

Caro amico di Twinbit, siamo felicissimi di potervi dare una notizia per noi grandiosa ed emozionante ! Sono passati circa tre anni da quando il progetto Twinbit è nato, ci ha regalato tante soddisfazioni e ci ha permesso di crescere. Nel corso di questi anni abbiamo avuto la possibilità di lavorare per molti clienti, di lavorare a bei progetti e di far crescere un piccolo ma grandioso team. Ringraziamo dunque con tutto il cuore chi ci ha supportato e chi ha creduto in noi! Nel corso del 2014 abbiamo avuto il piacere di incontrare gli amici di Agavee , con i quali abbiamo condiviso: visione, obiettivi e metodologie . Abbiamo così deciso di fondere le nostre due realtà e proporci sul mercato in un modo più strutturato e dare vita ad un team formidabile e di poter lavorare su più mercati. Nasce così oggi in forma pubblica la nuova realtà SparkFabrik , un nome che prende in prestito 2 concetti: la scintilla della creatività e il concetto di solidità . I due valori fondanti che hanno sempre guidato il nostro lavoro e la nostra visione. Un team in continua crescita su due paesi, Italia e Germania Una nuova realtà che nasce su solide basi, progetti e visibilità che coinvolgono clienti...

SparkFabrik: la nuova realtà Drupal europea

Dall'unione di Twinbit e Agavee, nasce sul mercato una nuova realtà: SparkFabrik . Il consolidamento dei marchi sotto un unico brand è stato un passaggio naturale del nostro percorso di crescita che abbiamo intrapreso da qualche anno

Caro amico di Twinbit, siamo felicissimi di potervi dare una notizia per noi grandiosa ed emozionante ! Sono passati circa tre anni da quando il progetto Twinbit è nato, ci ha regalato tante soddisfazioni e ci ha permesso di crescere. Nel corso di questi anni abbiamo avuto la possibilità di lavorare per molti clienti, di lavorare a bei progetti e di far crescere un piccolo ma grandioso team. Ringraziamo dunque con tutto il cuore chi ci ha supportato e chi ha creduto in noi! Nel corso del 2014 abbiamo avuto il piacere di incontrare gli amici di Agavee , con i quali abbiamo condiviso: visione, obiettivi e metodologie . Abbiamo così deciso di fondere le nostre due realtà e proporci sul mercato in un modo più strutturato e dare vita ad un team formidabile e di poter lavorare su più mercati. Nasce così oggi in forma pubblica la nuova realtà SparkFabrik , un nome che prende in prestito 2 concetti: la scintilla della creatività e il concetto di solidità . I due valori fondanti che hanno sempre guidato il nostro lavoro e la nostra visione. Un team in continua crescita su due paesi, Italia e Germania Una nuova realtà che nasce su solide basi, progetti e visibilità che coinvolgono clienti...

DrupalDay 2014, la nostra esperienza

Si è concluso anche quest'anno il più grande evento Drupal italiano, un momento per fare networking con i più grandi esperti Drupal italiani e fare insieme il punto dello stato dell'arte

Come sapete anche quest'anno siamo stati orgogliosamente parte dell'organizzazione della quarta edizione del DrupalDay. Per la prima volta in questa nuova veste nella città di Milano, presso la prestigiosa sede dell' Università Bicocca che ci ha messo a disposizione spazi e infrastrutture per le 2 giornate di conferenza. Come nel 2011 quando fu rilasciato Drupal 7, quest'anno il focus è stato tutto sulla nuova e tanto attesa release: Drupal 8 . L'evento è stato un grande successo ed abbiamo registrato circa 350 presenze nelle 2 giornate, abbiamo avuto grandi sponsor che hanno sostenuto l'evento e che hanno portato interessanti contenuti e 3 sessioni contemporanee per l'intera giornata di Venerdì, per raccontare e fare il punto insieme dello stato dell'arte di Drupal in Italia. Nei prossimi giorni annunceremo le date del prossimo DrupalDay, cercando di migliorare ulteriormente il format dell'evento. Drupal 8 è probabilmente il più grande salto evolutivo avvenuto nella storia di questo progetto. Cambiamenti tecnici rivolti agli sviluppatori, come ad esempio l’introduzione di Symfony 2, trasformeranno radicalmente l’approccio allo sviluppo. Cambiamenti rivolti all’usabilità e all’...

DrupalDay 2014, la nostra esperienza

Si è concluso anche quest'anno il più grande evento Drupal italiano, un momento per fare networking con i più grandi esperti Drupal italiani e fare insieme il punto dello stato dell'arte

Come sapete anche quest'anno siamo stati orgogliosamente parte dell'organizzazione della quarta edizione del DrupalDay. Per la prima volta in questa nuova veste nella città di Milano, presso la prestigiosa sede dell' Università Bicocca che ci ha messo a disposizione spazi e infrastrutture per le 2 giornate di conferenza. Come nel 2011 quando fu rilasciato Drupal 7, quest'anno il focus è stato tutto sulla nuova e tanto attesa release: Drupal 8 . L'evento è stato un grande successo ed abbiamo registrato circa 350 presenze nelle 2 giornate, abbiamo avuto grandi sponsor che hanno sostenuto l'evento e che hanno portato interessanti contenuti e 3 sessioni contemporanee per l'intera giornata di Venerdì, per raccontare e fare il punto insieme dello stato dell'arte di Drupal in Italia. Nei prossimi giorni annunceremo le date del prossimo DrupalDay, cercando di migliorare ulteriormente il format dell'evento. Drupal 8 è probabilmente il più grande salto evolutivo avvenuto nella storia di questo progetto. Cambiamenti tecnici rivolti agli sviluppatori, come ad esempio l’introduzione di Symfony 2, trasformeranno radicalmente l’approccio allo sviluppo. Cambiamenti rivolti all’usabilità e all’...

Utilizzare la regione hidden di Display Suite in modo smart

Display suite risulta estremamente comodo per la stilizzazione del nodo in molte occasioni, ma potrebbe non sempre sembrare lo strumento migliore per il theming delle entity di Drupal; ci sono delle situazioni in cui in un certo senso si può rimpiangere la modalità di theming predefinita di Drupal basata sull'uso intensivo dei file di template. Prendiamo il seguente esempio. Supponiamo di avere due field, uno alternativo all'altro. Una situazione che si potrebbe verificare è quella di avere un nodo che può avere sia un'immagine che un video di apertura. Quello che ci viene chiesto è che se l'editor dovesse aggiungere entrambi, il campo immagine non deve essere stampato, ma andrebbe stampato da Drupal il solo campo video. Con un file di template questa cosa risulta piuttosto semplice. Supponiamo che i due field si chiamino rispettivamente field_image e field_video . In un file di template classico, andremo a risolvere questo problema con una semplice condizione if che potrebbe essere scritta come: <?php if ($content['field_image'] || $content['field_video']) : ?> <div class="article_media"> <?php if ($content['field_image'] && !$content['field_video']) : ?...

Utilizzare la regione hidden di Display Suite in modo smart

Display suite risulta estremamente comodo per la stilizzazione del nodo in molte occasioni, ma potrebbe non sempre sembrare lo strumento migliore per il theming delle entity di Drupal; ci sono delle situazioni in cui in un certo senso si può rimpiangere la modalità di theming predefinita di Drupal basata sull'uso intensivo dei file di template. Prendiamo il seguente esempio. Supponiamo di avere due field, uno alternativo all'altro. Una situazione che si potrebbe verificare è quella di avere un nodo che può avere sia un'immagine che un video di apertura. Quello che ci viene chiesto è che se l'editor dovesse aggiungere entrambi, il campo immagine non deve essere stampato, ma andrebbe stampato da Drupal il solo campo video. Con un file di template questa cosa risulta piuttosto semplice. Supponiamo che i due field si chiamino rispettivamente field_image e field_video . In un file di template classico, andremo a risolvere questo problema con una semplice condizione if che potrebbe essere scritta come: <?php if ($content['field_image'] || $content['field_video']) : ?> <div class="article_media"> <?php if ($content['field_image'] && !$content['field_video']) : ?...

Drupal: Riutilizzare VS Creare: qual è la strategia giusta?

Quando ci si trova di fronte ad un progetto Drupal che prevede la creazione di un gran numero di content type e quindi di field, viene da chiedersi quale sia la strategia migliore tra a) creare un nuovo field per ogni content type e b) riutilizzare quando possibile un field già creato. Vi...

Una delle funzionalità più interessanti di Drupal è la possibilità di creare nuove strutture dati (o tipi di contenuto) direttamente da interfaccia, senza dover scrivere una sola riga di codice. Ricordo che quando mi avvicinai per la prima volta a Drupal ed al mondo dei CMS opensource, uno dei motivi per cui scelsi proprio Drupal tra i vari CMS presenti in rete, fu proprio il fatto che direttamente da interfaccia web, con pochi click del mouse, era possibile creare delle strutture dati anche di una certa complessità senza dover toccare una sola riga di codice PHP. Erano i tempi di Drupal 4.6, CCK non era ancora uscito e c'era un modulo che si chiamava Flexinode. Da quei tempi di strada ne è stata fatta parecchio, ed a partire da Drupal 7, la possibilità di creare strutture dati anche molto complesse è stata integrata nel core ed estesa con il concetto delle entity. Ancora oggi la semplicità con cui è possibile creare delle strutture dati molto complesse direttamente da interfaccia e con l'aggiunta di qualche modulo, è uno dei maggiori punti di forza di Drupal. Quando abbiamo pochi tipi di contenuto, e strutture dati piuttosto semplici in genere si può non vedere la necessità di...

Drupal: Riutilizzare VS Creare: qual è la strategia giusta?

Quando ci si trova di fronte ad un progetto Drupal che prevede la creazione di un gran numero di content type e quindi di field, viene da chiedersi quale sia la strategia migliore tra a) creare un nuovo field per ogni content type e b) riutilizzare quando possibile un field già creato. Vi...

Una delle funzionalità più interessanti di Drupal è la possibilità di creare nuove strutture dati (o tipi di contenuto) direttamente da interfaccia, senza dover scrivere una sola riga di codice. Ricordo che quando mi avvicinai per la prima volta a Drupal ed al mondo dei CMS opensource, uno dei motivi per cui scelsi proprio Drupal tra i vari CMS presenti in rete, fu proprio il fatto che direttamente da interfaccia web, con pochi click del mouse, era possibile creare delle strutture dati anche di una certa complessità senza dover toccare una sola riga di codice PHP. Erano i tempi di Drupal 4.6, CCK non era ancora uscito e c'era un modulo che si chiamava Flexinode. Da quei tempi di strada ne è stata fatta parecchio, ed a partire da Drupal 7, la possibilità di creare strutture dati anche molto complesse è stata integrata nel core ed estesa con il concetto delle entity. Ancora oggi la semplicità con cui è possibile creare delle strutture dati molto complesse direttamente da interfaccia e con l'aggiunta di qualche modulo, è uno dei maggiori punti di forza di Drupal. Quando abbiamo pochi tipi di contenuto, e strutture dati piuttosto semplici in genere si può non vedere la necessità di...

Drupal al servizio del civic-hacking

La tecnologia aperta e la passione di un gruppo di persone possono realizzare progetti grandiosi. Dati.dataninja.it e Confiscatibene, vi raccontiamo 2 interessanti progetti a cui abbiamo partecipato.

Da sempre in Twinbit abbiamo avuto una passione per gli Open Data e più in generale per il civic hacking, abbiamo avuto modo di sperimentare molto nel corso di questi anni e di lavorare a diversi progetti, ad esempio TwitAntonio oppure TweetYourMep con la splendida community di SOD . Recentemente abbiamo avuto la fortuna di poter partecipare a 2 progetti molto interessanti portando il nostro contributo, un primo progetto con i Dataninja , ed un altro con un bel gruppo di civic-hackers Confiscatibene . Dati.dataninja.it Si tratta di un progetto sperimentale che ha come obiettivo rendere pubblici facilmente consultabili e riutilizzabili i dati delle inchieste svolte all'interno del network di datajournalism Dataninja.it. La piattaforma è stata citata come caso d’uso di utilizzo di DKAN in Europa da Market Wired. All’interno possiamo trovare alcuni dei datasets che il team ha utilizzato per produrre le proprie inchieste giornalistiche, citiamo The migrant files che è stato premiato quest'anno al Global Editors Network Summit a Barcellona Confiscati bene Confiscati Bene è un progetto partecipativo per favorire la trasparenza, il riuso e la valorizzazione dei beni confiscati alle mafie...

Drupal al servizio del civic-hacking

La tecnologia aperta e la passione di un gruppo di persone possono realizzare progetti grandiosi. Dati.dataninja.it e Confiscatibene, vi raccontiamo 2 interessanti progetti a cui abbiamo partecipato.

Da sempre in Twinbit abbiamo avuto una passione per gli Open Data e più in generale per il civic hacking, abbiamo avuto modo di sperimentare molto nel corso di questi anni e di lavorare a diversi progetti, ad esempio TwitAntonio oppure TweetYourMep con la splendida community di SOD . Recentemente abbiamo avuto la fortuna di poter partecipare a 2 progetti molto interessanti portando il nostro contributo, un primo progetto con i Dataninja , ed un altro con un bel gruppo di civic-hackers Confiscatibene . Dati.dataninja.it Si tratta di un progetto sperimentale che ha come obiettivo rendere pubblici facilmente consultabili e riutilizzabili i dati delle inchieste svolte all'interno del network di datajournalism Dataninja.it. La piattaforma è stata citata come caso d’uso di utilizzo di DKAN in Europa da Market Wired. All’interno possiamo trovare alcuni dei datasets che il team ha utilizzato per produrre le proprie inchieste giornalistiche, citiamo The migrant files che è stato premiato quest'anno al Global Editors Network Summit a Barcellona Confiscati bene Confiscati Bene è un progetto partecipativo per favorire la trasparenza, il riuso e la valorizzazione dei beni confiscati alle mafie...

Creare un template personalizzato per Insert

Caricare un file od un'immagine su di un nodo ed inserirlo con un semplice click del mouse all'interno di un'area di testo con tanto di markup HTML personalizzato.

Insert è un comodo modulo che può semplificare la vita agli editor di contenuti di un sito Drupal. Il modulo aggiunge un pulsante accanto ad un campo file o ad un campo immagine, che consente di inserire in un'area di testo della form di inserimento del nodo, del markup HTML contenente un riferimento allo specifico file. Potrebbe essere un semplice link al file, un tag nel caso di immagini (è incluso anche il supporto ai vari stili immagine) od anche del markup personalizzato. In rete trovate alcune guide e video che mostrano il funzionamento del modulo, quindi non mi soffermerò oltre sulla cosa. Quello di cui invece voglio raccontarvi è di una funzionalità molto comoda ma che forse non tutti conoscono, ovvero il fatto che ciascuna modalità di inserimento corrisponde ad uno specifico template, e che i template che possono essere facilmente personalizzati (per chi non lo sapesse, un template non è altro che un file PHP responsabile del markup HTML che si ottiene al click sul pulsante "Insert" nell'immagine di cui sopra). Il modulo dispone di un certo numero di template predefiniti (ce n'è uno anche per il bottoncino di inserimento): ( Nota: questo articolo è basato sulla versione 7...

Creare un template personalizzato per Insert

Caricare un file od un'immagine su di un nodo ed inserirlo con un semplice click del mouse all'interno di un'area di testo con tanto di markup HTML personalizzato.

Insert è un comodo modulo che può semplificare la vita agli editor di contenuti di un sito Drupal. Il modulo aggiunge un pulsante accanto ad un campo file o ad un campo immagine, che consente di inserire in un'area di testo della form di inserimento del nodo, del markup HTML contenente un riferimento allo specifico file. Potrebbe essere un semplice link al file, un tag nel caso di immagini (è incluso anche il supporto ai vari stili immagine) od anche del markup personalizzato. In rete trovate alcune guide e video che mostrano il funzionamento del modulo, quindi non mi soffermerò oltre sulla cosa. Quello di cui invece voglio raccontarvi è di una funzionalità molto comoda ma che forse non tutti conoscono, ovvero il fatto che ciascuna modalità di inserimento corrisponde ad uno specifico template, e che i template che possono essere facilmente personalizzati (per chi non lo sapesse, un template non è altro che un file PHP responsabile del markup HTML che si ottiene al click sul pulsante "Insert" nell'immagine di cui sopra). Il modulo dispone di un certo numero di template predefiniti (ce n'è uno anche per il bottoncino di inserimento): ( Nota: questo articolo è basato sulla versione 7...

Caleffi.com: perché una multinazionale ha scelto Drupal

Caleffi è un'azienda che conta oltre 1000 dipendenti distribuiti tra la sede italiana e le filiali estere, commercializza in oltre 70 Paesi e registra un fatturato di oltre 250 milioni di euro. Vi raccontiamo come li abbiamo aiutati a costruire la loro nuova sede digitale.

Questo articolo inaugura la sezione "case study" , un posto dove racconteremo in dettaglio i nostri progetti più interessanti, le sfide sia tecniche che organizzative che affrontiamo ogni giorno, una finestra aperta sul nostro mondo per condividere quel che facciamo, con la passione e il divertimento che ci contraddistinguono. Il progetto "Caleffi" Assieme ad H-ART , che ha curato l’analisi strategica, il concept grafico e l’interaction design, abbiamo realizzato un progetto Drupal che rappresenta una nuova frontiera per la nostra piattaforma preferita. Chi è Caleffi? Caleffi produce e commercializza componentistica per impianti di riscaldamento, condizionamento e idrosanitari, per utenze civili e industriali, per impianti tradizionali e a fonte energetica rinnovabile, e nella fornitura di soluzioni impiantistiche all'avanguardia. Caleffi è riconosciuta anche per la sua competenza riguardo la contabilizzazione del calore. Insomma, è probabile che nelle vostre case e nei vostri uffici abbiate installato i loro prodotti senza neppure saperlo. Nel 2013 impiega 1000 dipendenti distribuiti tra la sede italiana e le filiali estere, è operativa in oltre 70 Paesi e registra un fatturato...

Caleffi.com: perché una multinazionale ha scelto Drupal

Caleffi è un'azienda che conta oltre 1000 dipendenti distribuiti tra la sede italiana e le filiali estere, commercializza in oltre 70 Paesi e registra un fatturato di oltre 250 milioni di euro. Vi raccontiamo come li abbiamo aiutati a costruire la loro nuova sede digitale.

Questo articolo inaugura la sezione "case study" , un posto dove racconteremo in dettaglio i nostri progetti più interessanti, le sfide sia tecniche che organizzative che affrontiamo ogni giorno, una finestra aperta sul nostro mondo per condividere quel che facciamo, con la passione e il divertimento che ci contraddistinguono. Il progetto "Caleffi" Assieme ad H-ART , che ha curato l’analisi strategica, il concept grafico e l’interaction design, abbiamo realizzato un progetto Drupal che rappresenta una nuova frontiera per la nostra piattaforma preferita. Chi è Caleffi? Caleffi produce e commercializza componentistica per impianti di riscaldamento, condizionamento e idrosanitari, per utenze civili e industriali, per impianti tradizionali e a fonte energetica rinnovabile, e nella fornitura di soluzioni impiantistiche all'avanguardia. Caleffi è riconosciuta anche per la sua competenza riguardo la contabilizzazione del calore. Insomma, è probabile che nelle vostre case e nei vostri uffici abbiate installato i loro prodotti senza neppure saperlo. Nel 2013 impiega 1000 dipendenti distribuiti tra la sede italiana e le filiali estere, è operativa in oltre 70 Paesi e registra un fatturato...

Creare un bottone di social share personalizzato.

In un recente progetto Drupal si era presentata la necessità di integrare un bottone di social share che permettesse la condivisione di alcuni elementi della pagina. Questo articolo racconta di come abbiamo affrontato il problema.

Nell'articolo " Guida alla creazione di temi Drupal #Parte3: creare campi personalizzati " raccontavo come fosse possibile risolvere alcune semplici problematiche creando dei field personalizzati utilizzando le API di DS . In un recente progetto avevamo necessità di integrare una funzionalità di share sui social network che permettesse di condividere in modo autonomo vari elementi presenti all'interno della stessa pagina. Dopo aver passato in rassegna alcuni dei moduli di social share disponibili per Drupal senza trovarne uno che facesse al nostro caso, vuoi per questioni di tempo che per questioni legate al progetto (che richiedeva anche una certa personalizzazione dell'aspetto dei bottoni di share), abbiamo deciso di optare per una soluzione totalmente personalizzata, utilizzando le API di DS per creare un nuovo campo da gestire direttamente tramite field UI. Come sempre succede quando lavoriamo con Drupal, questa non è l'unica soluzione possibile, ma se stiamo già utilizzando DS per la gestione della visualizzazione, questa offre alcuni vantaggi tra cui il pieno controllo sul markup prodotto e il non dover installare nessun nuovo modulo (che avremmo comunque dovuto...

Creare un bottone di social share personalizzato.

In un recente progetto Drupal si era presentata la necessità di integrare un bottone di social share che permettesse la condivisione di alcuni elementi della pagina. Questo articolo racconta di come abbiamo affrontato il problema.

Nell'articolo " Guida alla creazione di temi Drupal #Parte3: creare campi personalizzati " raccontavo come fosse possibile risolvere alcune semplici problematiche creando dei field personalizzati utilizzando le API di DS . In un recente progetto avevamo necessità di integrare una funzionalità di share sui social network che permettesse di condividere in modo autonomo vari elementi presenti all'interno della stessa pagina. Dopo aver passato in rassegna alcuni dei moduli di social share disponibili per Drupal senza trovarne uno che facesse al nostro caso, vuoi per questioni di tempo che per questioni legate al progetto (che richiedeva anche una certa personalizzazione dell'aspetto dei bottoni di share), abbiamo deciso di optare per una soluzione totalmente personalizzata, utilizzando le API di DS per creare un nuovo campo da gestire direttamente tramite field UI. Come sempre succede quando lavoriamo con Drupal, questa non è l'unica soluzione possibile, ma se stiamo già utilizzando DS per la gestione della visualizzazione, questa offre alcuni vantaggi tra cui il pieno controllo sul markup prodotto e il non dover installare nessun nuovo modulo (che avremmo comunque dovuto...

Drupal performance e scalabilità

Le performance sono un parametro fondamentale per il successo di un sito. Hai preso in considerazioni tutte le ottimizzazioni di frontend e di backend? Questi sono i nostri consigli

Ieri siamo stati al Drupal Days presso il Talent Garden di Milano, io e Marco abbiamo tenuto una sessione sull'ottimizzazione delle performance di Drupal. L'approccio secondo il nostro punto di vista, prevede un ottimizzazione partendo dal frontend, backend e infine infrastrutture. L'argomento "performance" è molto complesso e spinoso, per questo il nostro obiettivo era lasciare consigli basati sulla nostra esperienza, piccoli trucchi e consigli che possano migliorare i nostri progetti sia dal punto di vista implementativo, sia di dal punto di vista di soddisfazione del cliente. Vi lasciamo le slides con la promessa di pubblicare un post di dettaglio su come ottimizzare le vostre applicazioni Drupal Drupal performance and scalability from Twinbit Vi ricordo che nel frattempo stiamo portando avanti con l'organizzazione della quarta edizione del Drupal Day , non prendete impegni per il 14 e 15 Novembre 2014 Se avete consigli o domande commentate pure il post, saremo felici di rispondervi :)

Drupal performance e scalabilità

Le performance sono un parametro fondamentale per il successo di un sito. Hai preso in considerazioni tutte le ottimizzazioni di frontend e di backend? Questi sono i nostri consigli

Ieri siamo stati al Drupal Days presso il Talent Garden di Milano, io e Marco abbiamo tenuto una sessione sull'ottimizzazione delle performance di Drupal. L'approccio secondo il nostro punto di vista, prevede un ottimizzazione partendo dal frontend, backend e infine infrastrutture. L'argomento "performance" è molto complesso e spinoso, per questo il nostro obiettivo era lasciare consigli basati sulla nostra esperienza, piccoli trucchi e consigli che possano migliorare i nostri progetti sia dal punto di vista implementativo, sia di dal punto di vista di soddisfazione del cliente. Vi lasciamo le slides con la promessa di pubblicare un post di dettaglio su come ottimizzare le vostre applicazioni Drupal Drupal performance and scalability from Twinbit Vi ricordo che nel frattempo stiamo portando avanti con l'organizzazione della quarta edizione del Drupal Day , non prendete impegni per il 14 e 15 Novembre 2014 Se avete consigli o domande commentate pure il post, saremo felici di rispondervi :)

10 funzionalità di Drupal che le agenzie di marketing dovrebbero conoscere

Fare uno studio attento dei contenuti sperimentando le modalità di utilizzo è importante, bisogna dunque scegliere uno strumento che si adatti ai contenuti e non viceversa

Come sapete noi in Twinbit siamo innamorati di Drupal e pensiamo che anche le agenzie "digital" e di marketing dovrebbero esserlo allo stesso modo. Ci sono molti strumenti e piattaforme per la costruzione di applicazioni e siti web, a noi piace sperimentare e proporre ai nostri clienti le soluzioni adatte alle loro esigenze. Tuttavia sono pochi i framework o i CMS sul mercato che possano offrire la flessibilità, la potenza di livello enterprise e la facilità d'uso di questo strumento. Per questo molte agenzie e clienti finali stanno pensando a Drupal come prossimo strumento, chiedendo il nostro aiuto. Abbiamo dunque pensato di indicarvi quali sono le 10 grandi funzionalità di Drupal che le agenzie digital dovrebbero conoscere: 1. Facilità d'uso Qui dobbiamo sfatare il mito che Drupal è difficile da usare , forse era una condizione vera qualche anno fa, oggi le cose sono nettamente cambiate ed è facile adattare il backend ( l'area di amministrazione ) per renderlo user-friendly dall'amministratore dei contenuti sino all'utente finale. Vi allego un mini video, che fa parte di una serie sviluppata da Acquia, che mostra brevemente le potenzialità e la semplicità dello strumento:...

10 funzionalità di Drupal che le agenzie di marketing dovrebbero conoscere

Fare uno studio attento dei contenuti sperimentando le modalità di utilizzo è importante, bisogna dunque scegliere uno strumento che si adatti ai contenuti e non viceversa

Come sapete noi in Twinbit siamo innamorati di Drupal e pensiamo che anche le agenzie "digital" e di marketing dovrebbero esserlo allo stesso modo. Ci sono molti strumenti e piattaforme per la costruzione di applicazioni e siti web, a noi piace sperimentare e proporre ai nostri clienti le soluzioni adatte alle loro esigenze. Tuttavia sono pochi i framework o i CMS sul mercato che possano offrire la flessibilità, la potenza di livello enterprise e la facilità d'uso di questo strumento. Per questo molte agenzie e clienti finali stanno pensando a Drupal come prossimo strumento, chiedendo il nostro aiuto. Abbiamo dunque pensato di indicarvi quali sono le 10 grandi funzionalità di Drupal che le agenzie digital dovrebbero conoscere: 1. Facilità d'uso Qui dobbiamo sfatare il mito che Drupal è difficile da usare , forse era una condizione vera qualche anno fa, oggi le cose sono nettamente cambiate ed è facile adattare il backend ( l'area di amministrazione ) per renderlo user-friendly dall'amministratore dei contenuti sino all'utente finale. Vi allego un mini video, che fa parte di una serie sviluppata da Acquia, che mostra brevemente le potenzialità e la semplicità dello strumento:...